Domande frequenti esame di stato psicologia

Domande frequenti esame di stato psicologia

Ecco una guida pratica e scorrevole per le domande frequenti sull’esame di stato in psicologia. Ciascuna delle seguenti FAQ è seguita da una risposta breve e concisa. Una volta consultate le spiegazioni ad ogni domanda frequente, capirai meglio le caratteristiche dell’esame di stato. E se non bastassero ti invito a leggere l’articolo completo sull’esame di stato in psicologia.

Domande frequenti esame di stato psicologia: tempistiche e modalità prove

Quante prove ci sono all’esame di stato?
Le prove sono 4 in tutto. Tre scritte ed una orale finale.
• La prima prova scritta è teorica, con domande su una o più teorie a confronto, ricerche e studi condotti in merito, metodologie e ambiti applicativi.
• La seconda prova scritta è più sul versante pratico, cioè un progetto di ricerca e/o di intervento da svolgere in un ambito della psicologia a scelta (Albo A). Per l’albo B ruota intorno a discipline e metodi della psicologia.
• La terza prova scritta è pratica, cioè l’analisi di un caso in un ambito a scelta della psicologia (Albo A). Per l’Albo B è la stesura di un progetto.
• La quarta prova orale verte sugli articoli del codice deontologico, sulle normative della professione, sull’esperienza di tirocinio o sulle correzioni degli errori fatti nelle prove precedenti.

Quanto tempo dura ogni prova?
Dipende dalle commissioni e dalla complessità delle tracce estratte. In media le prove scritte durano tra 2 e 3 ore l’una, mentre la prova orale dura circa 5-10 minuti.

Quali e quante sessioni ci sono ogni anno?
Ogni anno ci sono due sessioni d’esame, una estiva (inizia nella seconda metà di giugno) ed una invernale (inizia nella seconda metà di novembre). Per legge a livello nazionale in tutti gli atenei la prima prova teorica si svolge nella stessa data. Invece le tempistiche delle prove successive vengono stabilite da ogni singola università.

Qual è il lasso di tempo che trascorre tra una prova e l’altra?
Anche in questo caso dipende dalle sedi d’esame. Possono essercene due nello stesso giorno, oppure tenersi in giorni consecutivi, o a cadenza settimanale o addirittura mensile. La tua scelta dipenderà dal tempo che vuoi avere a disposizione per ripassare per ogni prova e dalla velocità con cui vuoi concludere l’esame.

Ci sono risposte completamente giuste o sbagliate alle domande delle prove d’esame?
Ogni commissione valuta le prove secondo i propri criteri. Ogni candidato si è preparato a modo suo e ha le sue modalità di rispondere. Quindi se un collega ha risposto in modo diverso dal tuo, non è detto che tu abbia sbagliato. Per rispondere alla prima prova teorica sii flessibile, ordinato, chiaro e preciso. Nella seconda e nella terza prova scrivi progetti e diagnosi sotto forma di proposte e di ipotesi, evitando toni perentori e affermazioni date per certe in senso assoluto, che poco si adattano ad una materia complessa come la psicologia.

L’indirizzo di studio della traccia che scelgo di svolgere deve essere lo stesso del mio percorso di studi?
No, è a tua completa scelta, a seconda di quello in cui ti senti più pronto e preparato. Se ad esempio hai studiato neuropsicologia ma preferisci scegliere il progetto di psicologia dell’età evolutiva, sentiti libero di farlo.

Dove e come iscriversi

Devo restare nella mia università a dare l’esame di stato in psicologia?
No, puoi scegliere liberamente una fra le 19 sedi universitarie italiane in cui è possibile svolgerlo. Non tutti gli atenei che ospitano la facoltà di psicologia permettono anche di sostenervi l’eds. Una volta che scegli la sede, dovrai svolgere tutte le 4 prove in quello stesso ateneo.

Come faccio a sapere quali sono le sedi e la modulistica necessaria?
Ogni università ha un portale di riferimento con tutte le informazioni del caso. Qui puoi trovare l’elenco delle sedi per l’esame di stato in psicologia, con i relativi portali.

Quanto costa iscriversi all’esame di stato?
I prezzi variano a seconda della sede d’esame. In ogni ateneo c’è una tassa fissa (erariale) pari a 49.58 Euro. A questa va aggiunta la tassa di iscrizione, variabile tra 200 e 400 Euro circa.

Commissioni d’esame

Chi elabora le prove d’esame?
Un’apposita commissione d’esame, che cambia in ogni sessione, elabora i contenuti delle prove. La commissione è composta da docenti interni ed esterni all’università.

Come vengono scelte le prove dalla commissione?
Vengono elaborate più tracce per prova, ma ne viene estratta una sola nella mattina di ogni prova specifica. Per la terza prova (e a volte per la seconda) sarai tu a scegliere la traccia tra diverse presentate, a seconda dell’indirizzo di studi che preferisci. In ogni caso le commissioni si devono attenere a direttive legislative nazionali per determinare i contenuti generali di ogni prova. Diffida da chi diffonde il panico sul web dicendo che ci sono commissioni che si divertono a mettere in difficoltà gli studenti, magari invertendo i contenuti delle prove o chiedendo argomenti impossibili.

È vero che ci sono commissioni più severe di altre, o sessioni più facili?
Le opinioni e i giudizi sono soggettivi. Come avrai notato durante gli anni universitari, ognuno vive gli esami in modo personale e apprezza in misura diversa i professori e le domande chieste nelle prove d’esame.

Materiale utile

Cerco le tracce degli scorsi anni ma non le trovo, o sono incomplete e imprecise. Come faccio ad averle?
L’unico modo per andare sul sicuro è fare riferimento alle fonti ufficiali, ossia alle università. Devi sapere però che non tutte pubblicano le tracce degli scorsi esami, o le pubblicano solo fino ad un certo anno e poi basta. Nell’articolo tracce esame di stato psicologia trovi gli archivi di ogni sede d’esame, così verifichi di persona quali e quante tracce sono reperibili al momento in Italia.

Non so su quali libri studiare, come mi oriento?
In commercio esistono diversi manuali per lo studio. La regola sempre valida per superare l’esame è di avere una preparazione completa, mirata e ottimale, con materiale per preparare l’esame di stato in psicologia adatto e realizzato a misura di studente. Se vuoi fare un passo in più puoi esplorare i libri suggeriti per l’esame di stato in psicologia dalle bibliografie degli atenei italiani.

Che cosa devo portare all’esame?
Sicuramente devi portare i tuoi documenti. Il materiale per scrivere dovrebbe fornirtelo l’università.

Posso tenere appunti di riferimento, sfogliare il DSM 5 o consultare qualche strumento?
No, all’esame non è consentito avere nulla sul banco al di fuori della penna e dei fogli su cui rispondere.

Punteggi e risultati

Qual è il punteggio minimo per superare ogni prova?
Ogni prova vale un massimo di 50 punti. Per superarle devi prendere come minimo 30 punti in ciascuna. Quindi il punteggio finale totale dell’esame rientrerà nel range 120-200 punti. A Pavia nel 2017 la commissione ha stabilito che la sufficienza è pari a 36 punti su 60.

Come faccio a sapere i risultati?
Se accedi al portale web della tua sede d’esame, troverai la pagina dedicata alla pubblicazione dei risultati dopo ogni prova. In alcune università gli esiti possono essere consultati da chiunque, in altre solo dai diretti interessati mediante l’inserimento delle credenziali d’accesso.

Se vengo bocciato in una delle prove che cosa succede?
Purtroppo venire bocciati ad una delle prove equivale a non aver superato l’intero esame. Perciò quando ti ripresenterai la volta successiva dovrai ripetere da capo tutte le prove, anche quelle che avevi superato.

Posso prendere visione della prova per cui non sono stato ammesso?
Puoi prendere appuntamento con i membri della commissione, secondo date e orari indicati da loro.

Quante volte posso riprovare a dare l’esame se vengo bocciato?
Puoi riprovare tutte le volte che vuoi, basta rinnovare l’iscrizione tramite versamenti all’ateneo.

Che cosa mi viene rilasciato dopo il superamento dell’esame?
Conclusa la quarta prova orale la commissione si congratulerà con te. Dovrai attendere la pubblicazione ufficiale dei risultati finali da parte dell’università. A quel punto potrai recarti in segreteria per richiedere il rilascio dell’attestato e del successivo diploma. Dovrai presentare alcune marche da bollo.

Il voto finale mi verrà richiesto da qualcuno o mi darà particolari vantaggi?
Generalmente no, il voto non è come quello della laurea. Non comparirà sui certificati. Sarà presente solo nell’elenco ufficiale steso dall’ateneo nei risultati finali, per questioni di trasparenza e veridicità.

Come muoversi dopo l’eds

Che cosa posso fare una volta superato l’esame?
Puoi proseguire la tua formazione o puoi lanciarti nel mondo del lavoro. Per maggiori info ho dedicato un articolo informativo su cosa fare dopo l’esame di stato in psicologia.

È vero che appena supero l’esame di stato in psicologia devo iscrivermi all’Albo Nazionale degli Psicologi? 
Si, se vuoi lavorare come psicologo. Per iscriverti all’Albo nazionale degli psicologi dovrai inoltrare domanda di iscrizione all’Ordine regionale o provinciale a te più comodo, e da quel momento dovrai versare una quota annuale per rinnovare la tua iscrizione.

Spero di aver risposto alle domande più frequenti sull’esame di stato in psicologia. Se hai ulteriori domande, non esitare a scriverle nei commenti 😀

Hai bisogno d'aiuto per preparare l'esame?

Scegli ciò che ti serve: manuali per le singole prove, lezioni via Skype e molto altro
SCOPRI IL MATERIALE